Blog

Allineamento testi

Abbiamo due tipi di testi, text, quello semplice, di una riga sola, che non accetta formattazione (come viene usato negli attributi dei blocchi) e MText (multiline text), che è un piccolo editor di testi, formattabili un po' come un word-processor (non esageriamo!). Cerchiamo di capire quando è meglio usare uno anziché l'altro, e come.


Il cartiglio perfetto

Quali requisiti deve avere un buon cartiglio? A mio avviso deve seguire le linee guida ISO (anche se quelle che ho trovato sono più per il disegno meccanico che architettonico) deve mantenersi identico su diversi PC e senza CTB, non inquinare il file con formati di testo, blocchi e layers, produrre un buon PDF e possibilmente essere il più automatico possibile nella compilazione dei testi.


Strategie per gli elevati

Ci sono due strategie fondamentali per disegnare sezioni e prospetti: mettere la pianta al centro di prospetti ribaltati, ruotando l'UCS per saltare da una direzione all'altra, oppure tenere tutti i prospetti nel WCS e usare diversi inserimenti della pianta opportunamente ruotati da cui tirare le proiezioni. Do per scontato che della pianta si usino Xref e non blocchi, che andrebbero aggiornati in continuazione, e con un sistema di coordinate ben noto. Personalmente uso il secondo approccio.


Change

Change è un comando che esiste forse da sempre, ma poco conosciuto e dalle molte possibilità: ci si possono, parzialmente, sistemare oggetti fuori piano, linee non ortogonali, linee che non convergono bene in un punto comune e molto altro.


Colori

Come ho già accennato nella sezione Standard, uso (quasi) tutti i 256 colori della tabella cad come neri, distinguendoli nel ctb solo per spessore. Per i colori uso RGB o un set di colori.
Quando vogliamo fare un diagramma colorato, che colori scegliere? Di seguito le mie considerazioni, link e alcuni file d'esempio.


Confrontare i file: compare

Finalmente, da pochi anni, il noto software ha implementato una funzione per comparare i file ed evidenziare le differenze: compare.
Vi è crashato il software e non sapete più quale versione del file sia più aggiornata? Il consulente vi ha inviato un aggiornamento senza evidenziare le modifiche? Il tuo collega e te avete lavorato su due copie del medesimo file e dovete far convergere il lavoro? C'è da recuperare alcune delle modifiche salvate in un vecchio backup? Con il comando COMPARE (compara) il software vi evidenzierà con due colori le differenze tra i due file, lasciando grigio tutto ciò che invece corrsponde.


Il nome dell'xref

Quando si inserisce un xref il cad gli da' di default il nome del file medesimo, ma questo non è obbligatorio. Il nome è una delle proprietà dell'xref che possiamo modificare a nostro piacimento. E questo può rivelarsi molto utile.


Cambiare le caratteristiche dei layer in una viewport

Lavorando attraverso una viewport su un modello, e accedendo alla palette dei layer, dovreste aver notato che compaiono tutta una serie di colonne VP freeze, VP color, VP linetype, etc relative alle qualità degli stessi in quella specifica vewport.
Questo vuol dire che possiamo far apparire gli stessi disegni radicalmente diversi in due viewport che compaiano anche nello stesso layout.


Spostare oggetti tra model e paper space: chspace

Per chi lavora estensivamente con i layout, e spero che chi mi legge lo faccia, è spesso necessario spostare oggetti dall'uno all'altro spazio, ad esempio riportare in model la sagoma della vewport corrente, o creare nel layout legende con i retini usati nel model.
Il comando chspace fa esattamete questo.


Scala di stampa

Impostare le scale di stampa ha sempre creato qualche mal di testa.
Facciamo un po' di ragionamenti con una premessa pratica: la unit a cui fa riferimento il software non è che il millimetro. Tenendo sempre questo ben presente riusciremo a impostare la scala di stampa nominale (es: 1/50) senza dover fare complicati calcoli e passare per il reciproco (es: 0,02) e doverlo inoltre scalare per le unità di misura del file.